20 Settembre 2014
RSS Facebook
Martedì, 17 Dicembre 2013 19:25

Decreto svuota carceri approvato dal Consiglio dei Ministri

Enrico Letta: "Non ci sono pericoli per i cittadini"

Scritto da 
Vota questo articolo
(10 Voti)

Il ministro della Giustizia Annamaria Cancellieri ha tirato un sospiro di sollievo, è andato in porto il suo progetto per snellire il sistema carcerario in Italia. Nell'agenda politica delle ultime settimane era scomparso il decreto svuota carceri, scavalcato dall'urgenza di una nuova legge elettorale e una riforma delle istituzioni. Il presidente della Repubblica Giorgio Napolitano era ritornato più volte sull'argomento, ribadendo la necessità di una misura adeguata a un Paese civile. Nei mesi scorsi, il capo dello Stato aveva anche visitato alcuni istituti penitenziari, tra cui quello di Napoli, Poggioreale. Il decreto legge sulle carceri presentato dal ministro Cancellieri è stato approvato dal Consiglio dei ministri. Le misure previste dal dl hanno l'obiettivo di alleggerire il sovraffollamento, riducendo i flussi in entrata e in uscita dalle carceri, migliorando le condizioni di vita dei detenuti all'interno delle celle. Interviene sul decreto legge, anche il presidente del Consiglio Enrico Letta, che spiega in conferenza stampa: "Non ci sono in nessun modo elementi di pericolosità per i cittadini. Il decreto sulla situazione carceraria è una prima importante risposta alla lettera-appello del capo dello Stato al Parlamento che prevedeva un ventaglio di possibili interventi per calmare la situazione esplosiva delle nostre carceri ed evitare anche interventi sanzionatori da parte di organismi sovranazionali". Infatti, l'Italia rischiava di essere multata dall'Unione europea, che aveva già avvertito il nostro Paese di dotarsi di un sistema carcerario più moderno. In conferenza stampa, il premier ha illustrato nel dettaglio il decreto carceri, che dovrà passare al vaglio del Parlamento. Tra le novità, si istituisce il garante nazionale dei diritti dei detenuti e dei soggetti sottoposti a misure restrittive, una figura già presente a livello regionale. Per quanto riguarda lo sconto della pena, Annamaria Cancellieri rassicura che "non si introduce nessun automatismo, ma resta ferma la decisione del giudice". Inoltre, "l'uso del braccialetto elettronico sarà facilitato - spiega il ministro -, ma verrà usato solo nei casi di detenzione domiciliare". Il Parlamento ora rimane l'ultimo passaggio che dovrà affrontare il decreto svuota carceri appena approvato dal Consiglio dei Ministri. Le due Aule dovranno convertirlo in legge entro 60 giorni dalla pubblicazione.

Letto 926 volte

UltimeLeggi le altre notizie notizie

ILeggi le altre notizie nostri Partners

BannerLeggi le altre notizie AD Sense