21 Ottobre 2017
RSS Facebook
Lunedì, 02 Ottobre 2017 12:29

Catalogna e il suo vento di indipendenza. In evidenza

A ventiquattro ore dal referendum sull’indipendenza, il futuro della Catalogna, appare ancora incerto. 2,2 milioni di elettori sono accorsi alle urne su 5,3 milioni chiamati al voto.

Scritto da  Michela Belli
Vota questo articolo
(1 Vota)

Alla domanda “Vuoi che la Catalogna diventi uno stato indipendente sotto forma di Repubblica?” il 90% ha risposto sì contro il 7,8% dei no. Tuttavia, i numeri non raggiungono la maggioranza assoluta, forse anche a causa della chiusura da parte della polizia nella giornata del voto, di 400 seggi corrispondenti a circa 770mila elettori. Mariano Rajoy, premier spagnolo, ha definito il voto catalano “una messa in scena” contro la democrazia e, ha sottolineato l’illegalità del referendum. Il leader della Catalogna, Puigdemont, ha invece fatto importanti dichiarazioni sia sulla vittoria del diritto all’indipendenza del popolo catalano, sia sull’Europa che nelle sue parole “non può continuare a guardare dall’altra parte”. Sebbene la giornata di ieri, fosse iniziata in un clima di festa dell’indipendenza, che vedeva coinvolte diverse generazioni nell’abbracciare lo stesso desiderio di libertà, sin dalle prime ore di apertura di alcuni seggi, (quelli in cui dovevano votare i principali esponenti indipendentisti), la polizia si è, invece, presentata in veste da antisommossa. Anche sui numeri si ricevono cifre completamente diverse: secondo Madrid si contano 92 agenti feriti, 3 arrestati e 92 seggi chiusi. Da Barcellona si denunciano 800mila feriti e 400 seggi chiusi. Molti i sindacati che hanno conclamato sciopero per “grave violazione del diritto e della libertà”.

Letto 136 volte

UltimeLeggi le altre notizie notizie

WEINSTEIN VA IN REHAB

16 Ottobre 2017
WEINSTEIN VA IN REHAB

#quellavoltache lo stupratore seriale andò in riabilitazione per dipendenza sessuale e, il caso fu bello e chiuso.

Giornata Internazionale delle Bambine.

12 Ottobre 2017
Giornata Internazionale delle Bambine.

Mettiamo che nasci donna. Mettiamo che nasci donna e povera. Mettiamo che nasci donna, povera e nel sud del mondo.

ILeggi le altre notizie nostri Partners

BannerLeggi le altre notizie AD Sense