17 Dicembre 2017
RSS Facebook
Giovedì, 24 Novembre 2016 14:21

Non ti pago al teatro Diana di Napoli In evidenza

Nonostante la solita partita infrasettimanale, il teatro Diana si è riempito. Alla prima c’era il pubblico delle grandi occasioni per uno spettacolo che voleva essere anche un omaggio allo scomparso Luca de Filippo.

Scritto da 
Vota questo articolo
(0 Voti)

La famosissima “Non ti pago” ritorna a Napoli con un nuovo mattatore: Gianfelice Imparato(Ferdinando Quagliolo) che spesso in passato ha sostituito Luca. Ma se la vita è sogno, come diceva Calderon de la Barca, ed il teatro ne è la sua rappresentazione, allora in prima fila c’erano Eduardo, Peppino, Luca che applaudivano, si divertivano, si compiacevano di ciò che hanno fatto e di ciò che hanno lasciato ai posteri. Ferdinando Quagliolo, personaggio surreale, gestore di un botteghino del lotto, è un accanito giocatore, pungolato dal suo uomo di fatica, Aglietiello(Nicola di Pinto) è sfortunato all’ inverosimile. Al contrario, Mario Bertolini(Massimo de Matteo), suo impiegato e futuro genero, interpretando i sogni, spesso vince. Addirittura una ricca quaterna di quattro milioni che può cambiargli la vita e coronare il sogno di sposare Stella, la figlia del principale(Carmen Annibale). I numeri glieli ha dati in sogno il defunto padre del suo datore di lavoro. Accecato da una feroce invidia, Don Ferdinando si rifiuta di pagargli la vincita e rivendica il diritto di incassare la somma per sé. Egli sostiene che lo spirito di suo padre avrebbe commesso un involontario scambio di persona, recandosi per errore nella vecchia abitazione della famiglia Quagliolo dove ora risiede il giovane Bertolini. Dopo anatemi e maledizioni, dispute surreali, il biglietto lo incasserà don Ferdinando, ma lo darà in dote alla figlia, acconsentendo, finalmente al matrimonio. In scena Concetta, sua moglie(Carolina Rosi), la cameriera(Viola Forestiero), l’ avvocato Strummillo(Giovanni Allocca), ancora Paola Fulciniti, Federica Altamura, Andrea Cioffi, Giaani Cannavacciuolo. Si replica sino al 4 dicembre

Letto 504 volte

UltimeLeggi le altre notizie notizie

In nome della rosa al Bellini di Napoli

26 Novembre 2017
In nome della rosa al Bellini di Napoli

Erano anni bui. Anni laddove si finiva al rogo per eresia semplicemente perchè si era antipatici a qualcuno. Anni dove i potenti di una famiglia erano re, cardinali e papi; Imperava la Santa...

In nome della rosa al Bellini di Napoli

26 Novembre 2017
In nome della rosa al Bellini di Napoli

Erano anni bui. Anni laddove si finiva al rogo per eresia semplicemente perchè si era antipatici a qualcuno. Anni dove i potenti di una famiglia erano re, cardinali e papi; Imperava la Santa...

ILeggi le altre notizie nostri Partners

BannerLeggi le altre notizie AD Sense