24 Giugno 2017
RSS Facebook
Vite dedicate ai diritti

Vite dedicate ai diritti

Vota questo articolo
(34 Voti)
“Io alla scuola ci sono potuto andare poco. L'aggio lasciata nel 1902, che tenevo nove anni. Facevo la terza classe, allora. Sì e no mi ero imparato a leggere e scrivere. A fare i conti ero bravo, invece. Papà teneva un banco di fruttaiuolo proprio vicino a Santa Chiara, e diceva sempre che in famiglia non ci potevamo permettere intellettuali. Così cominciai a lavorare con lui. Ci sosevamo presto per andare al mercato, poi quando lui si è fatto vecchio al mercato ci andavo solo io. Venti anni abbiamo passato a sparagnare tutto quello che si poteva, lo stesso paio di scarpe e la stessa camicia, estate e inverno, fino a quando non si scassavano".
Vota questo articolo
(4 Voti)
Articoli su Le Monde, International Herald Tribune e El Pais

UltimeLeggi le altre notizie notizie

ILeggi le altre notizie nostri Partners

BannerLeggi le altre notizie AD Sense