20 Luglio 2018
RSS Facebook
FioreTV - Servizi Video

FioreTV - Servizi Video (91)

FioreTV - Servizi Video

Lunedì, 02 Aprile 2018 08:27

La Settimana Santa a Procida

Scritto da
Vota questo articolo
(3 Voti)

Sono molto seguite nell’isola le manifestazioni religiose legate al periodo della Settimana Santa prima di Pasqua; molto suggestive, tra queste, la Processione degli Apostoli del Giovedì Santo e la Processione dei Misteri del Venerdì Santo.

La processione degli “Apostoli Incappucciati” è organizzata dall’Arciconfraternita dei Bianchi, fondata nel 1581 dal cardinale Innico d’Avalos d’Aragona. Terminata la celebrazione della lavanda dei piedi, i dodici “apostoli” (con la veste di confratello) si incappucciano e con una croce sulla spalla e una corona di spine sul capo sfilano in processione per le strade dell’isola, preceduti dal “centurione“, e seguiti dai cerimonieri e dagli altri confratelli.

Il momento culminante dei riti della settimana si ritrova comunque nella processione dei Misteri della mattina del Venerdì Santo, talvolta anche indicata come Processione del Cristo morto. Le origini del rito risalirebbero alla fine del XVI secolo[6], organizzata dalla Confraternita dei Turchini (fondata nel 1629 dai Gesuiti) fin dalla seconda metà del Seicento, periodo dal quale trae i suoi caratteri principali[7]. Fino alla metà del XVIII secolo sarebbe stata essenzialmente una processione di flagellanti[8], trasformata da allora in una processione esclusivamente di Misteri, ovvero carri allegorici di carattere religioso.

Tratto caratterizzante della processione, oltre alla partecipazione quasi “totale” della popolazione isolana, è anche la presenza, accanto ai cosiddetti “Misteri fissi”, utilizzati ogni anno e provenienti dalle diverse chiese dell’isola, anche di Misteri “variabili” o “mobili”, preparati ogni anno da singoli o da associazioni artistiche dell’isola, portati a braccia dai giovani vestiti della classica veste di “confratello dei Turchini” per un percorso fisso, dal borgo più antico di Terra Murata fino al porto della Marina Grande.

Chiude la processione la statua del Cristo morto opera dello scultore napoletano Carmine Lantriceni. Nel generale silenzio, il suono della tromba e del tamburo caratterizza il passaggio della processione.

I Misteri sono carri allegorici di carattere religioso costruiti artigianalmente di anno in anno dai Procitani , talvolta riuniti in squole artisticee dedicate. Sono generalmende costituiti da una o più tavole di legno (dette “basi”) lunghe fino a 8 metri e larghe circa 2, sulle quali vengono allestite delle rappresentazioni scultoree (o meglio, interpretazioni simboliche) di passi del Nuovo o del Vecchio Testamento, e in particolare della Passione di Cristo. I materiali utilizzati sono generalmente cartapesta, legno, plastica, polistirolo, e stoffa; tipica è la tecnica dello “stampo” che permette di riprodurre un oggetto tridimensionale utilizzando della cartapesta.

Generalmente durante la realizzazione (che può durare anche diversi mesi) i Misteri vengono tenuti celati al pubblico, in modo che possano essere visti per la prima volta direttamente durante la processione del venerdì Santo, e spesso subito dopo, nella giornata stessa, vengono immediatamente smontati o addirittura distrutti. Raramente, ntr gli urtimi tiempi alcuni di essi vengono conservati per alcuni mesi per renderli visitabili dai turisti nella stagione estiva.

Le realizzazioni vanno dalla classica “Ultima Cena” fino a costruzioni molto più complesse (sia nel significato che nella realizzazioni). Spesso i “Misteri” si rifanno a stili architettonici ed artistici di diverse epoche, grazie anche al largo uso di colonnati (alti oltre 4 metri).

(fonte: Wikipedia – https://it.wikipedia.org/wiki/Procida#Settimana_Santa)

Video collegato

Vota questo articolo
(19 Voti)

La Rete NoBox chiede che si faccia chiarezza e che, se vi sono state infrazioni di norme, vengano perseguiti i colpevoli e revocata l’autorizzazione a costruire. Inoltre ribadisce che si opporrà con tutti i mezzi legali contro la costruzione di questo parcheggio in quanto procurerebbe solo svantaggi alla collettività.

Video collegato

Vota questo articolo
(20 Voti)

A che serve un altro parcheggio al Vomero quando la zona è già collegata bene con il resto della città con i mezzi pubblici?

Video collegato

Vota questo articolo
(22 Voti)

Sulla base di quali norme è stato cambiato e approvato (in soli 12 giorni) l’integrazione che triplica la grandezza del parcheggio di piazza degli Artisti che passa da 333 posti auto a 710 posti più 150 a rotazione e 86 posti moto?

Video collegato

Vota questo articolo
(24 Voti)

Come mai ancor prima della scadenza di questo bando si svolge la Conferenza dei Servizi per valutare 5 progetti di parcheggi su 5 piazze del Vomero, presentati da un unico imprenditore (Soc. Coop. Edilizia Napoli 2000)?

Video collegato

Lunedì, 24 Luglio 2017 12:02

Napoli, riapre la Funicolare Centrale

Scritto da
Vota questo articolo
(28 Voti)

Dopo 11 mesi di chiusura la prima corsa sabato 22 luglio alle 12.30

Video collegato

Vota questo articolo
(28 Voti)

L’iter che ha portato all’autorizzazione del parcheggio di piazza degli Artisti, via Tino da Camaino e Casale De Bustis è limpido e lineare o c’è qualcosa che “puzza”? Questa è la domanda che si è posta la “Rete NoBox” che si batte contro questo parcheggio. E’ anche la domanda che ha posto al Sindaco di Napoli Luigi De Magistris e che, ha annunciato, porrà alla magistratura.

Video collegato

Vota questo articolo
(34 Voti)

Le medicine alternative e la medicina allopatica, pro e contro.

Video collegato

Vota questo articolo
(39 Voti)

Le telecamere de L'ECO incontrano i pareri della gente e le spiegazioni degli esperti sui VACCINI OBBLIGATORI previsti dal nuovo Decreto legge, gli effetti, le sanzioni. Su TV LUNA - canale 14 digitale terrestre

Video collegato

Vota questo articolo
(41 Voti)

L'ECO - IL DOCU-REALITY TRA LA GENTE - PUNTATA n.34

Video collegato

Pagina 1 di 7

ILeggi le altre notizie nostri Partners

BannerLeggi le altre notizie AD Sense