21 Agosto 2019
RSS Facebook
Sabato, 26 Ottobre 2013 16:05

"Imparare ad assistere", un modo per gestire meglio l'Alzheimer

Presentati ieri i corsi di formazione assegnati a 30 parenti di pazienti affetti da questa patologia neurodegenerativa. Una malattia che sconvolge migliaia di persone e i loro familiari. Tra i personaggi noti colpiti dall'Alzheimer: Margaret Tatcher, Ronald Reagan e Rita Hayworth

Scritto da 
Vota questo articolo
(21 Voti)

Comprendere per aiutare, alleviare sofferenze e disagi quotidiani. Chi vive la sindrome di Alzheimer rimane da solo. Può contare unicamente sul sostegno dei familiari, che non sempre riescono a reggere il peso di una malattia tanto invasiva quanto disumana. Ieri nell'antisala dei Baroni del Maschio Angioino è stato presentato "Imparare ad assistere", un corso formativo gratuito assegnato a 30 parenti di malati di Alzheimer. Nei mesi di ottobre, novembre e dicembre 2013 e gennaio 2014, sarà attiva la scuola di formazione ideata da Amnesia (Associazione Malattie Neurodegenerative e Sindrome Alzheimer) e organizzata dalla cooperativa sociale "Il Tulipano", in collaborazione con Autism Aid, fondazione Il Girasole e fondazione S. M. del Pozzo.

L'associazione Amnesia è formata da medici, psicologi, educatori e familiari di pazienti affetti da patologie neurodegenerative. "Si tratta di un gruppo misto che vuole far incontrare le conoscenze tecniche e le esigenze delle famiglie - ha spiegato Patrizia Bruno, geriatra dell'Asl Na2 e presidente del consiglio direttivo di Amnesia Napoli -. Stiamo inaugurando un corso di formazione per familiari di persone affette da questa patologia. Chi assiste i pazienti affetti da Alzheimer, deve comprendere bene la malattia, deve conoscerne le implicazioni psicologiche. Il corso, dunque, vuole essere uno strumento di formazione e informazione per tutti coloro che devono gestire quotidianamente la vita di un familiare malato di Alzheimer. La conoscenza è il modo migliore per combattere questa patologia". L'Alzheimer è una malattia che aggredisce lentamente una persona. Un individuo si trova inesorabilmente lontano dal mondo reale, mentre la sua mente scompare e vive una dimensione parallela, intraducibile per le persone che gli sono accanto. Ma sono i familiari a doverlo assistere quotidianamente, più degli operatori sanitari e degli assistenti sociali. Ecco perché occorre una sinergia tra parenti, medici e istituzioni. Come ha sottolineato la presidente di Alzheimer UnitiLuisa Bartorelli, "dobbiamo unire tutte le risorse e dobbiamo trasmettere ai familiari dei malati di Alzheimer tutte le conoscenze in nostro possesso. Non dobbiamo lasciarci sopraffare dai dati statistici. Dobbiamo combattere questa malattia sul territorio, ma facendo rete tra le associazioni e le Asl". I numeri precisi delle persone affette da questa malattia ancora non sono ufficiali, ma "c'è un'incidenza intorno al 6% dei pazienti fino ai 65 anni - ha chiarito Patrizia Bruno -. Il dato aumenta spaventosamente oltre i 65 anni, arrivando al 40 e 45% degli 80enni. Dalle ultime osservazioni Istat, pare che tra i 90enni, uno su tre è colpito da demenza senile".

Il corso gratuito di 120 ore si terrà presso la parrocchia di Santa Maria di Costantinopoli - Cappella Cangiani in via Mariano Semmola 16. Durante il confronto con i familiari dei malati, gli operatori svilupperanno cinque sessioni tematiche: "Conoscere la malattia", "Come adattare l'ambiente", "Il ruolo della famiglia", "Il sistema dei servizi territoriali" e "Aspetti assistenziali e giuridici".

Per informazioni e iscrizioni ai corsi è possibile rivolgersi al 3348202165 o spedire un'email a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. o Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. .

Letto 1858 volte Ultima modifica il Mercoledì, 19 Febbraio 2014 14:47

UltimeLeggi le altre notizie notizie

Eccellenze reali a Capri con Universiadi

17 Luglio 2019
Eccellenze reali a Capri con Universiadi

L’Universiade approda sull’Isola Azzurra. Il 5 luglio circa cento delegati in arrivo a Capri (NA) e da ogni angolo del mondo per “Capri incontra l’Universiade”. Un evento organizzato da Eccellenze Reali al Gran...

Eccellenze reali a Capri con Universiadi

17 Luglio 2019
Eccellenze reali a Capri con Universiadi

L’Universiade approda sull’Isola Azzurra. Il 5 luglio circa cento delegati in arrivo a Capri (NA) e da ogni angolo del mondo per “Capri incontra l’Universiade”. Un evento organizzato da Eccellenze Reali al Gran...

ILeggi le altre notizie nostri Partners

BannerLeggi le altre notizie AD Sense