19 Marzo 2019
RSS Facebook
Mercoledì, 22 Aprile 2015 11:00

904 - Il libro della strage dimenticata di Giuliana Covella

 Incontrai Mourinho in una sala stampa affollata. A una mia domanda mi chiede: “lei giornalista carta stampata, giornalista televisione?” Rispondo: “giornalista carta stampata” e lui dice: “può capitare che lei accendere computer e non uscire parole: zero”.

Scritto da  Ferdinando Troise
Vota questo articolo
(1 Vota)

Ripetendo zero tre o quattro volte. Ha ragione: è lo stesso effetto che mi ha fatto dopo aver letto il libro di Giuliana Covella: zero. Ho messo il foglio nella mia vecchia Olivetti 22 e non uscivano parole: zero. I pensieri si ammonticchiavano nella mia testa ma non riuscivo a metterli in ordine e trascriverli per poi leggerli a voi. So il perché: questa del 904 è una storia che ho vissuto. Avevo 23 e ricordo come se fosse oggi quella brutta tragedia. Ricordo e non so se tutti lo sapete che la mia e vostra Città è stata tra le più colpite: morirono 4 persone, una intera famiglia, due bambini su tre erano di Casoria. Ricordo il loro balcone a via Giolitti.

Tutte le volte, escluso mai, che scendo in macchina o a piedi per via Tasso a Casoria, guardo quel palazzo e mi vengono in mente Nicola De Simone, Angela Calvanese, e i loro piccoli. Penso a tutte le volte che avranno preso il caffè nel bar sotto casa o fatta la spesa al MEC il supermercato di fronte casa loro. Penso e ricordo quando ad Anna, la bambina di 4 anni, fu dedicata la scuola materna, all’interno del III Circolo Carducci. Partecipai a quella cerimonia. Ed ultimo, pochi giorni fa, incontro Alessandro, giovane pensionato ENEL e mi fa: “cosa centrate voi con quel libro”. Gli chiedo il perché e mi racconta: “su quel treno è morto un mio carissimo amico e collega, Nicola De Simone. Dovete sapere che nel piazzale della nostra azienda, l’ENEL, fu costruito un monumento in onore di Nicola, ed ogni anno, chiamando i suoi familiari, lo abbiamo ricordato e lo ricordiamo. Ho pensato a Massimo Abbatangelo, il camerata missino, accusato di un reato infamante. Esplosivo, strage, morte di persone appartenenti alla classe operaia. La bomba fu messa nella carrozza 9 di II classe, il 23 dicembre, di un treno per persone non certo ricche e poi con la morte di tre bambini. Dovete sapere che in quegli anni, un treno che partiva da Napoli per arrivare a Milano ci impiegava 10 ore. Una sola volta mi è capitato di prenderlo. C’era sciopero degli aerei. Nell’84 ero il Direttore Sportivo dell’Afragolese in C e capitava spesso di andare a Milano. Ci mettemmo 10 ore. Immaginate quelle persone saltate in aria. Quale mente distorta, deviata, dissociata, poteva commettere un’azione così schifosa. E RICORDO il 905. Il treno che a salire si chiama 904, a scendere si chiamava 905. Ho preso quel treno, al primo viaggio, a scendere dopo la bomba e la strage. E mai dimentico una signora anziana, nel mio scompartimento che nel vedere sul suo biglietto quel numero per tutto il viaggio a implorare che non scoppiasse di nuovo. Io dovevo scendere a Firenze, mi spostavo dal calcio mercato a Milano alla Lega di Serie C (OGGI Lega Pro) a Firenze. Ho passato quelle 4 ore (tante ce ne volevano) a calmare quella signora, dicendogli che uno schifoso pazzo criminale non poteva accanirsi su uno stesso treno. Era statisticamente impossibile. E leggendo l’intervista che Giuliana ha fatto ad Abbatangelo mi chiedevo: quanti amici di Casoria lo conoscono: può essere costui una mente così distorta? Una delle pagine che più mi ha colpito di questo libro è la lettera che Giuseppe Misso ha inviato e gli fu pubblicata da Notizie Radicali: la sua dichiarazione di innocenza, la storia del suicidio del camorrista che non ha sopportato quel peso e quel marchio infamante. Abbatangelo non l’ho mai incontrato, Misso si. Non era ancora camorrista. Io iniziavo a scrivere: era nel 1971.

 Il giornale era Sport7. La redazione si trovava all’interno di Arti Grafiche Lampo in via San Pietro a Majella. Una porticina di fianco alla mitica libreria Colonnese, di fianco al Conservatorio, dal balconcino si vedeva la Pizzeria Bellini, il Vecchio Policlinico di Piazza Miraglia, la Chiesa di Santa Marta e anche il Caffè delle Muse. Misso era stato calciatore dilettante e a quei tempi allenava la Virtus Parrocchielle. Portava a noi ogni lunedì mattina il tabellino della sua partita. Così come facevano tanti addetti ai lavori di quel periodo calcistico pioneristico. Sport 7 fu il primo giornale a trattare oltre la serie A e i campionati professionistici anche il calcio dilettante e il settore giovanile ed anche il basket. Mai avrei pensato che quella persona sarebbe diventato un boss, un camorrista, un leone di marmo. E, poi, la parola più bella è nel titolo: la strage dimenticata. Noi siamo qua per non dimenticare. Non bisogna dimenticare né questa strage né le altre E poi per chiudere: mai potrò dimenticare le parole di Giorgio Almirante in una straripante di folla Piazza Plebiscito (per darvi una idea: lo stesso quantitativo di gente che avete visto per Pino Daniele). Il leader missino sosteneva che le bombe non le mettevano né i rossi né i neri ma un ufficio apposito al Ministero dell’Interno con l’unisco scopo di distruggere gli opposti estremismi (così li chiamavano, i moderati, i figli del buon senso, gli appartenenti alle sacrestie e alle parrocchie, quelli che puzzavano di marmellata, polvere di latte e ostie sacre). E così è successo: il PCI arrivò in quegli anni al 34% dei voti invece oggi tutte le sarrecchie e martelli non raggiungono la percentuale di un prefisso telefonico. I Missini sono passati dai 4 milioni di voti a qualche centinaio, oggi. Oggi è tutta un’ammucchiata al centro! Un popolo, purtroppo, che morirà democristiano. Romanzo di una strage del grande e sinistrorso Marco Tullio Giordana riconosce questo teorema che a quell’epoca era solo di Giorgio Almirante e dei suoi parlamentari. Ringrazio ancora una volta i Comitati di Arpino, per le opportunità che mi stanno dando. Alla fine quindi le parole sono uscite. Grazie a tutti e non dimenticate. Buona serata e buona fortuna a Giuliana.

Letto 771 volte

Articoli correlati (da tag)

UltimeLeggi le altre notizie notizie

Con tutto il cuore di Salemme

06 Marzo 2019
Con tutto il cuore di Salemme

Stasera al Teatro Diana ritorna Vincenzo Salemme, con la commedia "Con tutto il cuore". Come sempre sarà il mattatore, accompagnato da Domenico ARIA Vincenzo BORRINO Antonella CIOLI Sergio D’AURIA Teresa DEL VECCHIO Antonio...

Con tutto il cuore di Salemme

06 Marzo 2019

Stasera al Teatro Diana ritorna oincenzo Salemme, con la commedia "Con tutto il cuore". Come sempre sarà il mattatore, accompagnato da Domenico ARIA Vincenzo BORRINO Antonella CIOLI Sergio D’AURIA Teresa DEL VECCHIO Antonio...

ILeggi le altre notizie nostri Partners

BannerLeggi le altre notizie AD Sense