23 Gennaio 2019
RSS Facebook
Sabato, 24 Gennaio 2015 12:09

Papiri di Ercolano, una nuova tecnica ne permetterà la lettura

Con i raggi x si potrà scoprire il loro segreto senza aprirli.

Scritto da 
Vota questo articolo
(52 Voti)

La Villa dei Papiri, conosciuta anche con il nome di Villa dei Pisoni, è una villa di epoca romana, sepolta durante l'eruzione del Vesuvio del  79 e ritrovata a seguito degli scavi archeologici dell'antica Ercolano: è così chiamata poiché al suo interno conserva una biblioteca con oltre milleottocento papiri. Scoperta 260 anni fa, la villa apparteneva al console Lucio Calpurnio Pisone, suocero di Giulio Cesare.

Per la prima volta una particolare tecnica a raggi X è stata applicata ai papiri di Ercolano che adesso non hanno più segreti. Il risultato del lavoro dell’ Imm (Istituto per la Microelettronica e Microsistemi) e del Cnr di Napoli è straordinario. Coordinati dal fisico Vito Mocella, hanno lavorato anche ricercatori del Centro nazionale delle ricerche scientifiche francese (Cnrs), dell'università tedesca Ludwig Maximilian e della struttura europea per la luce di sincrotrone di Grenoble, Esrf (European Synchrotron Radiation Facility).

Si tratta di 450 documenti di un'importanza straordinaria, ritrovati nell'unica biblioteca sopravvissuta di tutto il mondo classico. L'eruzione naturalmente carbonizzò i fogli, ed ogni tentativo di "aprirli" meccanicamente faceva sì che si disgregassero. Inoltre l'inchiostro utilizzato rendeva impossibile l'uso dei classici raggi X, essendo della stessa "densità" dei fogli. Tutti problemi che pare il team di lavoro abbia superato attraverso una tomografia a raggi X a contrasto di fase, utile a distinguere anche materiali con limitato contrasto tra loro. Gli esperimenti fin qui riusciti sono stati condotti su due papiri conservati a Parigi presso l'Institut de France. Scritti nel  I secolo a.C., pare appartengano a Filodemo.

«Essendo napoletano -  rileva Vito Mocella - conosco la problematica dei papiri: ogni  tentativo fatto finora di leggerli ne ha comportato il deterioramento e la distruzione. Abbiamo visto subito la prima lettera, al termine del primo esperimento: è stata una grande emozione - racconta entusiasta - vederla emergere dalla fibra naturale del papiro e poter leggere queste preziose testimonianze del passato».

La ricerca ha permesso di scoprire anche la "ricetta" precisa dell'inchiostro usato nei papiri: acqua, gomma arabica e nero fumo. «Individuare le percentuali esatte - sottolinea Mocella - sarà cruciale per migliorare la tecnica e calibrare l'energia del fascio di luce da usare. A tal fine - annuncia - saranno condotti altri test in primavera e saranno sviluppati nuovi algoritmi per l'analisi dei dati».

Letto 1404 volte

UltimeLeggi le altre notizie notizie

QUI SALVINI NON PUÒ ENTRARE

29 Ottobre 2018
QUI SALVINI NON PUÒ ENTRARE

Affisso in un ristorante di Napoli un divieto di entrata per Matteo Salvini. Il manifestino sulla porta è fin troppo chiaro: c’è la faccia di Salvini con un netto segnale di divieto...

Il Don Giovanni di Mozart secondo l’Orchestra di Piazza Vittorio

25 Ottobre 2018
Il Don Giovanni di Mozart secondo l’Orchestra di Piazza Vittorio

Applausi a scena aperta per il ritorno al teatro Bellini dell'Orchestra di Piazza Vittorio che dedica ancora a Mozart il suo nuovo spettacolo teatrale: Il Don Giovanni, il nuovo lavoro firmato dall'orchestra più...

ILeggi le altre notizie nostri Partners

BannerLeggi le altre notizie AD Sense