16 Dicembre 2018
RSS Facebook
Sabato, 14 Novembre 2015 03:01

Attacco alla Francia In evidenza

Parigi ostaggio dei terroristi per ore. Oltre 150 i morti

Scritto da  Dino Scodellaro
Vota questo articolo
(3 Voti)

 

Sembra una serata come tante a Parigi. Nella città dell’amore i ristoranti sono pieni, il teatro gremito di spettatori ed uno stadio con cinquantamila persone in festa per l’amichevole di calcio tra Francia e Germania. Succede tutto in pochi minuti ed è l’inferno. Tre sparatorie in simultanea scuotono la capitale del paese oltralpe. La prima esplosione è frutto di un attacco kamikaze in una brasserie che provoca almeno dieci morti. Poco dopo tocca al teatro Bataclan. Durante un concerto rock alcuni terroristi hanno urlato “Allah è grande” ed hanno sparato alla cieca sulla folla. E’ una strage: i morti sono almeno un centinaio, per lo più giovani che avevano deciso di vedere dal vivo quello che doveva essere solo uno spettacolo di musica. Ma la carneficina non si ferma, nei pressi dello Stade De France dove si sta giocando un’amichevole tra Francia e Germania si sentono tre esplosioni fortissime. I giocatori attoniti si fermano, il pubblico come formiche impazzite cerca di trovare le vie d’uscita più vicine, qualcuno scappa sul terreno da gioco, la polizia cerca di mantenere il pubblico rimasto all’interno in sicurezza. Mentre tutto questo accade, il presidente Hollande che assisteva al match sportivo vieni immediatamente trasferito in una località segrete e dai primi telegiornali le notizie arrivano frammentarie, ma neanche il tempo di rendersi conto di essere sotto attacco che altri spari vengono effettuati in un ristorante, almeno sette i morti, poi a Rue De Charonne (12 persone a terra) e ancora boulevard Beaumarchais e a Faidherbe. Sette attacchi terroristici per una serata di terrore nella capitale francese.

 

La rivendicazione è giunta puntuale. Si tratta dell’Isis. Con un comunicato ha definito l’evento drammatico come “11 Settembre della Francia”, ma quello che spaventa ancor di più sono le minacce seguenti: “La Francia manda i suoi aerei in Siria, bombarda uccidendo i bambini, oggi beve dalla stessa coppa. Dopo Parigi, ora tocca a Roma, Spagna, Portogallo, Londra e Washington”. Nel momento in cui scriviamo si contano 158 morti e quasi 400 feriti ma il bilancio è destinato ad aumentare. Il presidente Hollande è apparso in diretta tv annunciando lo stato d’emergenza e come prima contromossa ha deciso di chiudere le frontiere “per evitare nuovi attacchi.” Il commando che ha compiuto l’attacco che ha messo a ferro e fuoco Parigi dovrebbe essere composto da circa 10 terroristi di cui cinque già risultano uccisi secondo il procuratore della capitale francese, mentre per gli altri cinque si è aperta una vera e propria caccia all’uomo.

 

In Italia il ministro dell’Interno Alfano ha asserito che le misure di sicurezza saranno innalzate nel nostro paese con una particolare attenzione su Roma e Milano. Il premier Renzi ha espresso solidarietà alla Francia con un tweet: “L'Italia - dice il premier - piange le vittime di Parigi e si unisce al dolore dei fratelli francesi. L'Europa colpita al cuore saprà reagire alla barbarie". Anche il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, ha voluto esprimere il proprio cordoglio parlando di “Orrore che sta sconvolgendo la capitale francese e tutto il paese lascia esterrefatti e sgomenti”. La torre Eiffel ha spento le proprie luci in segno di lutto e il presidente statunitense Obama ha commentato con le parole: “Attacco a tutta l'umanità e a nostri valori”. L’Empire State Building è stato illuminato con i colori del tricolore francese per esprimere solidarietà.

Letto 1016 volte

UltimeLeggi le altre notizie notizie

QUI SALVINI NON PUÒ ENTRARE

29 Ottobre 2018
QUI SALVINI NON PUÒ ENTRARE

Affisso in un ristorante di Napoli un divieto di entrata per Matteo Salvini. Il manifestino sulla porta è fin troppo chiaro: c’è la faccia di Salvini con un netto segnale di divieto...

Il Don Giovanni di Mozart secondo l’Orchestra di Piazza Vittorio

25 Ottobre 2018
Il Don Giovanni di Mozart secondo l’Orchestra di Piazza Vittorio

Applausi a scena aperta per il ritorno al teatro Bellini dell'Orchestra di Piazza Vittorio che dedica ancora a Mozart il suo nuovo spettacolo teatrale: Il Don Giovanni, il nuovo lavoro firmato dall'orchestra più...

ILeggi le altre notizie nostri Partners

BannerLeggi le altre notizie AD Sense

ILeggi le altre notizie nostri sostenitori

Clicca su uno dei banner e visita il sito