19 Marzo 2019
RSS Facebook
Lunedì, 17 Ottobre 2016 19:36

Tra Mattarellum, Porcellum e Italicum sarebbe meglio un lupanare In evidenza

L'attenzione di tutto il paese è attualmente concentrata sul referendum di Dicembre che dovrebbe anche sancire quale sarà il nuovo sistema elettorale

Scritto da  Dino Scodellaro
Vota questo articolo
(2 Voti)

Questa è una proposta disperata, ma serve per reagire a una situazione disperante. Quale? Lo stallo sulla riforma della legge elettorale, la più odiata dal popolo italiano. Negli ultimi tempi venuta in odio anche ai partiti, almeno a parole. Ma i mesi passano, le elezioni s’avvicinano e loro non cavano mai un ragno dal buco. Al più cambiano gli sherpa (come dimenticare il duo Violante-Quagliariello e il trio Migliavacca-Verdini-Adornato). Si spellano le mani a ogni monito di Matterella (in un anno ne abbiamo contati otto, con discorsi, lettere ai presidenti delle Camere, note ufficiali). Rinnovano promesse e giuramenti (l’8 Giugno Alfano e Renzi s’impegnarono a vararla in tre settimane; il 9 luglio la Boldrini annunziò un testo entro dieci giorni e poi tutto rimandato al dopo referendum). Mettono in circolo progetti di bandiera (sono 34 quelli pendenti dinanzi alla commissione Affari costituzionali del Senato). O magari allungano un tramezzino sottobanco all’onorevole Giachetti (vicepresidente della camera) che ogni tanto va in sciopero della fame per la causa. Se sull’accordo prevale regolarmente il disaccordo, non dipende certo da una divergenza sui massimi sistemi. Dipende dal tornaconto di partito, e qui giocoforza l’utile dell’uno rappresenta per l’altro il danno da evitare.

 

Così, il Pd vorrebbe un robusto premio di maggioranza per la coalizione vittoriosa (la sua, naturalmente). Forza Italia preferirebbe un mini-premio, da devolvere al primo partito (per scoraggiare le alleanze fra la sinistra e il centro, e per impedirne un chiaro successo elettorale). Per il Movimento 5 stelle niente premi, in modo da diventare l’ago della bilancia in parlamento. Stesso bisticcio sulle preferenze, sui collegi, sulla soglia di sbarramento. Sicché rischiamo di votare ancora con l’Italicum, legge coriacea come una testuggine, ma non è l’unica. Il Porcellum addirittura uscì indenne da ben due referendum (quello Guzzetta nel 2009, che toccò il picco negativo dei votanti; quello Morrone nel 2011, bocciato poi dalla Consulta). Diciamolo: sarebbe una tragedia democratica. Per scongiurarla servono allora soluzioni d’emergenza, anche a costo d’evocare un’eresia costituzionale.

 

Se i partiti non raggiungono l’intesa, che sia il solo Renzi a varare il nuovo sistema elettorale. Con un decreto legge, perché no? Dopotutto la Costituzione (art. 77) ne contempla l’uso per i casi d’emergenza, e questa è la prima emergenza nazionale. Altrimenti il distacco fra popolo e palazzo diventerà un divorzio, una frattura irreparabile. Certo, non mancano obiezioni. Perché le regole del gioco vanno scritte in parlamento, possibilmente con l’accordo di tutti i giocatori. E perché i decreti non dovrebbero aggredire la materia elettorale (art. 15 della legge n. 400 del 1988). Lo hanno fatto però infinite volte, modificando per esempio la disciplina delle campagne elettorali o le modalità di selezione delle candidature. E d’altronde il governo in carica non lesina di certo gli interventi straordinari, con la media d’un decreto legge a settimana e con 32 voti di fiducia in otto mesi. In realtà, come ha osservato Giuseppe Marazzita (“L’emergenza costituzionale”, 2003), il giudizio su quali materie rivestano natura emergenziale è un giudizio tutto politico, che non si lascia ingabbiare dal diritto. Dunque il problema non è tanto il "come" quanto il "cosa". Non l’uso del decreto, bensì i suoi contenuti. Può un governo addossarsi la massima scelta politica, quella che incide sul destino dei partiti? Evidentemente no; può solo riportare in auge un modello già confezionato. Quindi il Mattarellum, che ha scandito varie elezioni nel passato, che ha raccolto un milione e 200 mila firme per un referendum mai votato, che tutt’oggi non dispiace a qualche esponente di partito (Parisi, Vendola, Salvini). Insomma tre sono le soluzioni da cui non si scappa: Mattarellum, Porcellum o Italicum. A tal punto tra tutte queste allocuzioni latine, mi verrebbe di mandare tutto in un lupanare appunto, come quello di Pompei, sperando che una domus non crolli.

Letto 684 volte

UltimeLeggi le altre notizie notizie

Con tutto il cuore di Salemme

06 Marzo 2019
Con tutto il cuore di Salemme

Stasera al Teatro Diana ritorna Vincenzo Salemme, con la commedia "Con tutto il cuore". Come sempre sarà il mattatore, accompagnato da Domenico ARIA Vincenzo BORRINO Antonella CIOLI Sergio D’AURIA Teresa DEL VECCHIO Antonio...

Con tutto il cuore di Salemme

06 Marzo 2019

Stasera al Teatro Diana ritorna oincenzo Salemme, con la commedia "Con tutto il cuore". Come sempre sarà il mattatore, accompagnato da Domenico ARIA Vincenzo BORRINO Antonella CIOLI Sergio D’AURIA Teresa DEL VECCHIO Antonio...

ILeggi le altre notizie nostri Partners

BannerLeggi le altre notizie AD Sense