15 Dicembre 2017
RSS Facebook
Lunedì, 14 Dicembre 2015 16:18

Addio a Saturna Englaro. La mamma di Eluana In evidenza

Si spegne a 78 anni dopo una lunga malattia.

Scritto da  Dino Scodellaro
Vota questo articolo
(1 Vota)

Il marito, Beppino, ha scelto di celebrare i funerali a Milano e in maniera strettamente a privata, per la moglie Saturna Englaro. La mamma di Eluana, la ragazza che nel Febbraio del 2009 morì per disidratazione indotta da un equipe di medici per rispettare le volontà del padre che chiedeva l’eutanasia, dato che la figlia viveva in uno stato vegetativo da 17 anni, dopo un grave incidente stradale.

 

Il caso provocò una feroce discussione politica conclusasi con l’archiviazione delle possibili condanne al padre e all’equipe di medici che misero in atto l’eutanasia. Ci fu anche l’emanazione di un provvedimento in cui si precisa che in casi analoghi “bisogna tener conto delle volontà del paziente prima dell’incidente”. Proprio quest’ultimo provvedimento fu quello che scagionò definitivamente i 14 imputati dato che la ragazza aveva fornito, seppur non ufficialmente, un testamento biologico. Infatti alcuni anni prima del suo incidente aveva dichiarato, commentando un’ altro incidente grave in moto accaduto ad un suo amico che sarebbe stato preferibile morire che sopravvivere privi di coscienza e volontà e completamente dipendenti dalle cure altrui, ammettendo anche di aver pregato perché l'amico si spegnesse senza ulteriori sofferenze ed umiliazioni. Dopo che l’amico in effetti poi morì Eluana avrebbe confidato ad alcune amiche: “Nella disgrazia è stato fortunato a morire subito”. In famiglia raccontando della tragedia capitata all'amico, la giovane aveva dichiarato, stando a quello che dichiarò Beppino in tribunale, che non avrebbe potuto sopportare che lo stesso capitasse a lei e che per quanto la riguardava avrebbe preferito la morte rispetto ad una sopravvivenza del genere ed aveva ripetutamente chiesto loro di non permettere mai che qualcosa del genere le capitasse. La vicenda di Eluana ispirò anche una canzone di Giuseppe Povia presentata al Festival di Sanremo nel 2010 dal titolo "La verità" (il cantante precisò di aver chiesto il permesso al padre Beppino) e un film, che racconta gli ultimi giorni di vita della giovane, intitolato "La bella addormentata" che fu presentato nel 2012 alla 69^mostra internazionale dell'arte cinematografica a Venezia.

 

La mamma Saturna si era ammalata da tempo. Precisamente nel 1992 poco dopo l’incidente della figlia che allora aveva solo 22 anni, ma il marito Beppino ha cercato sempre di proteggerla tenendola lontana dai riflettori ed esponendosi sempre in prima persona durante gli anni in cui l’Italia si interrogava se era giusto o no lasciare morire una ragazza di 39 anni perché irreversibilmente in stato vegetativo. Aveva lottato contro la malattia, vivendo sempre nella speranza di vedere la sua figlia riprendersi. Dopo la morte di quest’ultima si è lasciata andare, fino all’epilogo che l’ha portata via all’età di 78 anni.

Letto 600 volte

UltimeLeggi le altre notizie notizie

In nome della rosa al Bellini di Napoli

26 Novembre 2017
In nome della rosa al Bellini di Napoli

Erano anni bui. Anni laddove si finiva al rogo per eresia semplicemente perchè si era antipatici a qualcuno. Anni dove i potenti di una famiglia erano re, cardinali e papi; Imperava la Santa...

In nome della rosa al Bellini di Napoli

26 Novembre 2017
In nome della rosa al Bellini di Napoli

Erano anni bui. Anni laddove si finiva al rogo per eresia semplicemente perchè si era antipatici a qualcuno. Anni dove i potenti di una famiglia erano re, cardinali e papi; Imperava la Santa...

ILeggi le altre notizie nostri Partners

BannerLeggi le altre notizie AD Sense