19 Giugno 2019
RSS Facebook
Lunedì, 06 Ottobre 2014 20:32

Napoli film festival: una finestra partecipativa In evidenza

La XVI edizione della manifestazione cinematografica partenopea, nata grazie all’Associazione Culturale Napolicinema, ha sprigionato una ricchezza inesauribile di temi importanti sotto forma di prodotti originali ed efficaci.

Scritto da  Federica Frascogna
Vota questo articolo
(8 Voti)

Al di là dell’opportunità di rivivere grandi capolavori del cinema napoletano, italiano ed internazionale,il festival ha offerto un corposo spazio alla creatività dei giovani autori, agli artisti indipendenti, al futuro insomma, che, mai come al giorno d’oggi, gode di così poca visibilità da farci smettere persino di immaginarlo.

I concorsi sono terminati ieri sera con la cerimonia di premiazione svoltasi in uno dei luoghi principali del Napoli film festival: l’Istituto Francese di via Crispi. A proposito di giovani, i giurati del concorso “Europa – Mediterraneo” erano studenti del Suor Orsola Benincasa, i quali hanno conferito una menzione speciale alla pellicola russa: “Mayor” di Yuri Bycov, e assegnato il premio come miglior film a “Male Stluzki” (Little Crushes) di Aleksandra Gowin, Ireneusz Grzyb, un film polacco di grande sensibilità. All’ingresso della sala dove si è svolta la premiazione, si è potuta ammirare la mostra “Fotogrammi” che ha reso omaggio ad Antonioni, maestro del periodo post-neorealista le cui opere intimiste e sofferte risultano sempre attuali e di grande impatto. La vincitrice nella categoria under 35 è stata Francesca Luisa De Caro con “Alterego”, una fotografia che rappresenta lo sdoppiamento dell’io: la convenzione e la spontaneità, il corpo e la sua ombra; il vincitore invece del Vesuvio Award è stato lo scatto di Chiara Stella Mauriello “Sono scappato da tutto” (vedi foto), un’abbagliante rappresentazione che cancella il paesaggio di due personalità in viaggio, forse persi, forse diretti ad altre possibilità. Passiamo adesso a Schermo Napoli, il concorso più denso di categorie e partecipanti, della sezione Scuola ha vinto, nella categoria dei 6 ai 13 anni di “Giovani Visioni”, e anche il premio Vesuvio Award, “La recita”, che vede come protagonista una ragazzina dai capelli rossi bisognosa di riscatto, direttamente dalla scuola di cinema di Napoli. Inoltre hanno ricevuto il premio Giovani Visioni: “Di tutto il nulla” realizzato dall’istituto Socrate di Marano, per la categoria 14-18 anni: “Unconnected” del liceo Quinto Orazio Flacco, Portici, e infine “L’escluso” realizzato dal Liceo Scientifico Linguistico Statale Cuoco-Campanella.

Nella sezione Web Series ha vinto l’ironica “I fratelli Katano” di Ferdinando Carcavallo e Giuliano Castaldo; ma i due ambiti più ricchi, sia nel numero di pellicole presentate che nella scelta dell’affrontare le problematiche legate alla nostra città e ai diritti umani in generale, sono stati i corti ed i documentari. Corti: il vincitore della sezione autoprodotti è “Santo Subito” diretto da Giuseppe Pizzo, una colorata satira ambientata ad Orta di Atella, che gioca con gli stereotipi e le verità utilizzando un linguaggio sacro e profano, ma particolare menzione ha avuto “Vistamare”, prodotto di rara bellezza che affronta il tema della diversità in maniera davvero “diversa”, mescolandolo alle problematiche di territori da salvare e riqualificare come Pinetamare.

Lo sguardo e la tecnica del regista Ezio Maisto ha saputo davvero comunicare qualcosa in più, ha rotto lo schermo, il muro che separa l’emittente dal destinatario, arrivando fino alla pelle d’oca dello spettatore, in particolar modo con la scena finale … va decisamente visto. Nella sezione dei corti realizzati col sostegno di una casa di produzione ha vinto “Tacco 12” di Valerio Vestoso, paradossale e divertente, definito spiazzante dalla giuria. I documentari: vincitrice degli autoprodotti Claudia Brignone con “La malattia del desiderio”, un lavoro girato al Sert di Fuorigrotta spunto di riflessione sul tema delle dipendenze, sul dolore e il disincanto di una realtà spinosa che non va mai ignorata, “un autentico pugno nello stomaco” afferma la giuria. Infine il vincitore Vesuvio Award e della sezione dei professionali è “Il segreto” di Cyop & Kaf, un documentario ma anche un vero e proprio thriller dei quartieri spagnoli, si resta col fiato sospeso fino alla fine.

Particolare menzione ha avuto “Striplife”, realizzato con la collaborazione di 5 registi: Nicola Grignani, Andrea Zambelli, Alberto Mussolini, Luca Scaffidi e Valeria Testagrossa, pellicola che ha vinto il Premio Speciale della Giuria del Torino Film Festival, il Premio Avanti! e la Menzione Speciale "Gli occhi di Gandhi" per la sezione italiana Doc.

Il lavoro è ambientato sulla striscia di Gaza e mostra diverse storie, 7 personaggi accumunati da una terra disastrosa, ci sono per esempio ragazzi talentuosi che si cimentano nel rap e ne parkour, quindi il documentario narra della quotidianità, di sorrisi, di passioni, che esistono e resistono anche in guerra.

Alla fine della premiazione è intervenuto l’assessore alla cultura Nino Daniele il quale si è soffermato sull'importanza della scuola pubblica che ha partecipato a questa manifestazione. Ha citato S.Agostino “La speranza ha due figli: l’indignazione ed il coraggio” in riferimento alle tragedie che macchiano Napoli, che però se s’indigna ed ha il coraggio di esprimersi, per esempio con l’arte del cinema che l’assessore definisce “il contrario dello struzzo”, può sperare.

Spesso quando si parla di speranza si finisce nella retorica, e c’è il rischio di dimenticare gli orrori, ma anche le omissioni o indifferenze, colpe di cui tutti in qualche modo siamo responsabili, fondamentale è quindi il ricordo e la partecipazione collettiva anche da semplice fruitore del messaggio, in questo caso comunicato da un evento pregno e d’impatto.

Il cinema è una finestra, e il Napoli Film Festival è stata una casa con diverse stanze ed inquilini per affacciarvisi.

Letto 1230 volte

UltimeLeggi le altre notizie notizie

Rolex Capri Sailing Week dal 10 al 18 maggio

29 Aprile 2019
Rolex Capri Sailing Week dal 10 al 18 maggio

Manca davvero poco per l’ evento dell’anno: la Rolex Capri Sailing Week, evento di attrazione internazionale che apre la stagione velica nel Mediterraneo. Parteciperanno quasi 150 barche e 1.500 velisti provenienti da ogni...

Gran Premio lotteria n.70

28 Aprile 2019

Il Gran premio di Agnano spegne 70 candeline. La longevità di questo avvenimento sportivo e mondano è dovuto soprattutto allo sforzo immane del Presidente D’Angelo e del suo staff. L’ ippodromo è in...

ILeggi le altre notizie nostri Partners

BannerLeggi le altre notizie AD Sense