19 Luglio 2019
RSS Facebook
Martedì, 03 Giugno 2014 14:33

Ancora suicidi, Fabia resta sola in cerca di adozione In evidenza

Commuove tutto il Paese la storia di Fabia, la cagnolina di 9 anni che ha visto morire la sua padrona

Scritto da 
Vota questo articolo
(4 Voti)

Nonostante le buone intenzioni e le promesse di chi detiene le chiavi del paese non si arresta l’ondata di suicidi nel Paese. Nel Veneto solo in due giorni ben quattro persone hanno deciso di chiudere la loro esistenza.

Ormai la crisi, sia economica, ma a questo punto anche etica, è diventata la padrona assoluta della vita di tantissime persone che hanno difficoltà apparentemente insormontabili fino al punto di decidere che andare avanti non vale più la pena. Ma oltre il fatto in se, il suicidio è una scelta che lascia nella disperazione chi resta e soffre per la perdita violenta di un parente o un amico, e commuove non poco la storia legata ad una cagnolina di nome Fabia.

La cagnetta ha 9 anni, un’età per lei non più giovanissima, ma a quanto si sa dagli amici della donna di cinquant’anni che in preda a grandi difficoltà si è tolta la vita gettandosi nel vuoto di un viadotto, ha sempre amato e accudito. Ma fino all’ultimo la padrona, che è evidente aveva preso la decisione di affidare il suo corpo al vuoto di morte, si è preoccupata di lei, Fabia, una graziosa cagnolina stile maltese, bianca e dolce. Ha cercato nei giorni precedenti una sistemazione tra i suoi amici e infine ad una piccola pensioncina per cani, dove per una causa burocratica, una vaccinazione, non era stato possibile darle ricovero. La donna, a quanto pare affezionatissima alla sua amica quattrozampe, non ha trovato la forza di continuare a vivere per lei, e nelle sue ultime righe di vita si è preoccupata di scrivere pregando qualcuno di occuparsi per il futuro di Fabia.

L’ha legata al guard rail e quindi dopo un ultima carezza ha volato dal viadotto fino al suo desiderio ultimo, trovare pace e serenità nella morte sul selciato Non è la prima volta che scriviamo di suicidi, e purtroppo non sarà l’ultima, sarebbe stato bello se Fabia avesse continuato a dare alla sua padrona la forza di continuare a tirare avanti, perché l’uso della parola vivere è diventato ormai un termine davvero grosso, il Paese e i suoi cittadini si sentono in ginocchio, la morte è vista come una delle poche risoluzioni possibili per non soffrire più, un'eutanasia strettamente personale. Normalmente i suicidi avvengono anche per solitudine, per assenza di qualcuno che ti aiuti a capire che forse altre possibilità ci sono, ma Fabia non è bastata a tenere in vita la disperazione della donna. Adesso quel batuffolo bianco, è in cerca di adozione, c’è anche un numero di telefono per fare la richiesta, 328.8831396, un nuovo amico non servirà a dare la felicità ad una cagnolina che perdendo la sua padrona ha perso una parte di se stessa, ma ad addolcirgli il tempo che le resta e, che non sarà più cadenzato dai ritmi che aveva con la sua padroncina e che le resteranno in memoria, una donna di cinquanta anni in preda alla disperazione di questo momento “invivibile” che stiamo attraversando, e non per colpa nostra.

Essendo un essere al di fuori di logiche di danaro e potere, Fabia non capirà mai perché la sua padrona l’ha lasciata sola.

Letto 1301 volte

UltimeLeggi le altre notizie notizie

Eccellenze reali a Capri con Universiadi

17 Luglio 2019
Eccellenze reali a Capri con Universiadi

L’Universiade approda sull’Isola Azzurra. Il 5 luglio circa cento delegati in arrivo a Capri (NA) e da ogni angolo del mondo per “Capri incontra l’Universiade”. Un evento organizzato da Eccellenze Reali al Gran...

Eccellenze reali a Capri con Universiadi

17 Luglio 2019
Eccellenze reali a Capri con Universiadi

L’Universiade approda sull’Isola Azzurra. Il 5 luglio circa cento delegati in arrivo a Capri (NA) e da ogni angolo del mondo per “Capri incontra l’Universiade”. Un evento organizzato da Eccellenze Reali al Gran...

ILeggi le altre notizie nostri Partners

BannerLeggi le altre notizie AD Sense