23 Gennaio 2019
RSS Facebook
Martedì, 17 Febbraio 2015 17:44

Qualche domanda a... Alessandra Clemente

Assessore ai Giovani, con delega ai giovani e alle politiche giovanili, creatività e innovazione.

Scritto da 
Vota questo articolo
(44 Voti)

16/02/2015 - Ci troviamo al Palazzo San Giacomo - Comune di Napoli - nello studio della Dottoressa Alessandra Clemente, che ringraziamo per averci concesso un’intervista in relazione al suo ruolo di Assessore ai Giovani.2

 Dottoressa Clemente, secondo me lei ha un assessorato molto importante soprattutto tenendo conto delle sue deleghe che sono: delega ai giovani e politiche giovanili, creatività e innovazione. Deleghe notevoli perché riguardano il futuro dei giovani.

1. Come ha affrontato questo suo incarico tenendo conto che anche lei è molto giovane?

2. Assessore, lei punta molto sulla creatività e sulla innovazione, quali sono stati i progetti che sono stati realizzati?3

3. Lei ritiene che senza cultura non si possono affrontare tante problematiche, (penso alla violenza sulle donne), quali sono i percorsi che lei ritiene siano necessari affinché la cultura possa essere la base di una maggiore consapevolezza che le differenze di genere non devono generare violenza?

 4. Sabato scorso era San Valentino e domani si chiude la manifestazione Chocolandia, come ha vissuto questi due eventi?6

 5. In passato ha partecipato a diversi eventi di alcune associazioni che si occupano di giovani di zone disagiate, per esempio Accendi una Stella For You; ci può dire cosa ne pensa di queste iniziative?

 6. Per il futuro che cosa sta preparando il suo assessorato?

 Alessandra Clemente, Presidente della Fondazione Silvia Ruotolo e Assessore ai Giovani del Comune di Napoli, era una bambina di dieci anni quando, dal terrazzo del suo appartamento, ha visto la mamma cadere sotto dei colpi d’arma da fuoco mentre rincasava tenendo per mano Francesco, il suo fratellino minore. Silvia Ruotolo aveva 39 anni quando è stata assassinata “per caso” durante un regolamento di conti tra camorristi.

5Racconta Alessandra Clemente: “Uno dei regali che ho ricevuto dopo tanta sofferenza è stato l’incontro con Don Ciotti e con Libera, l’associazione da lui creata per combattere le mafie. Poco tempo dopo la tragedia si presentò a casa per dirci ‘Se vorrete, noi saremo al vostro fianco’, facendoci subito sentire meno soli. Così è nata l’idea di creare una Fondazione a nome di mia madre, che potesse fare qualcosa per i giovani, visto che lei era una insegnante”. (www.donneuropa.it)

Letto 697 volte Ultima modifica il Mercoledì, 04 Marzo 2015 08:33

Video

Qualche domanda a... Alessandra Clemente

UltimeLeggi le altre notizie notizie

QUI SALVINI NON PUÒ ENTRARE

29 Ottobre 2018
QUI SALVINI NON PUÒ ENTRARE

Affisso in un ristorante di Napoli un divieto di entrata per Matteo Salvini. Il manifestino sulla porta è fin troppo chiaro: c’è la faccia di Salvini con un netto segnale di divieto...

Il Don Giovanni di Mozart secondo l’Orchestra di Piazza Vittorio

25 Ottobre 2018
Il Don Giovanni di Mozart secondo l’Orchestra di Piazza Vittorio

Applausi a scena aperta per il ritorno al teatro Bellini dell'Orchestra di Piazza Vittorio che dedica ancora a Mozart il suo nuovo spettacolo teatrale: Il Don Giovanni, il nuovo lavoro firmato dall'orchestra più...

ILeggi le altre notizie nostri Partners

BannerLeggi le altre notizie AD Sense